La crisi entra in Fiera: domenica 11 dicembre “Il Disoccupato in Fiera” coi lavoratori licenziati da Fiera Milano

Il Centro Sociale SOS Fornace, San Precario e NoExpo tornano a L’Artigianato in Fiera che quest’anno trasformeranno ne Il Disoccupato in Fiera, allestendo assieme ai lavoratori licenziati da Fiera Milano, ai precari, ai cassintegrati e ai disoccupati uno stand per non dimenticare come vengono trattati i lavoratori dalla “vetrina dell’economia italiana”, per ricordare che il 31 dicembre scadono i termini del “Collegato lavoro” e che nonostante le meline e l’immobilismo dei sindacati confederali le lotte e le cause si possono fare e si possono vincere anche e soprattutto nei luoghi dove Cgil/Cisl/Uil hanno di fatto abbandonato lavoratori precari e non ai ricatti e ai soprusi di speculatori e precarizzatori.

Il 1° Ottobre 2010 ottanta lavoratori vengono messi in cassa in deroga da Fiera. Da allora una decina sono stati reintegrati; una trentina hanno accettato gli incentivi per la fuoriuscita rassegnati all’idea che non c’era trippa per gatti e questo novembre una trentina sono stati licenziati. Qualcuno ricorda i soavi squilli di tromba per i 40.000 posti di lavoro promessi al territorio? E se queste sono le premesse, che ne sarà dei 70.000 posti di lavoro promessi in vista di Expo 2015?

Mentre i lavoratori firmano contratti capestro, vengono licenziati, precarizzati, ricattati, Ente Fiera a novembre da notizia che nell’ultimo trimestre ha aumentato i propri ricavi del 18% e spende 32 milioni di Euro per glorificarsi con la Golden Tower: una torre dorata alta 50 metri, lunga 130, 20.000 mq di uffici ancora vuoti e inutilizzati. L’ennesima operazione immobiliare fatta in funzione di Expo 2015. L’incidenza del costo del lavoro per Ente Fiera e’ di poco piu’ del 20%, tutto il resto se ne va in servizi e struttura. Tirate voi le conclusioni.

Allo stand potrete incontrare i lavoratori licenziati da Fiera Milano e di altre realta’ del territorio metropolitano, parlare con gli avvocati del Punto San Precario di Rho, con i precari e con gli attivisti della Fornace, recuperare materiale informativo e assistere ai reading tratti dallo spettacolo ShockExpo.

Potrete confrontarvi con una rappresentanza di quel 99% che non solo non vuole pagare la crisi, ma che rimanda al mittente il ‘pacco di Natale’ di Monti… e come al solito con San Precario la sorpresa e‘ sempre dietro l’angolo.

About these ads
Questa voce è stata pubblicata in I peccati di Fiera Milano e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.